Semi di Lino

I semi di lino sono ricchissimi di Omega-3, 6 e 9, vitamine del gruppo B, C ed E, magnesio, calcio, potassio, e altro ancora: scopri il potere di questo Superfood!
Nutriente principale
Macronutriente
Cottura
Crudo
Acqua di semi di lino
1:21
Simple Tasty Recipes

Valori Nutrizionali per 100 gr

Energia: 534 Calorie Kcal

  • grassi saturi 3,7 g
  • grassi monoinsaturi 7,5 g
  • grassi polinsaturi 28,7 g
  • omega 3 22813 mg
  • omega 6 5911 mg
  • Vitamina C 0,6 mg
  • Vitamina E 0,3 mg
  • Vitamina K 4,3 mcg
  • Tiamina 1,6 mg
  • Riboflavina 0,2 mg
  • Niacina 3,1 mg
  • Vitamina B6 0,5 mg
  • Folati 87 mcg
  • Acido Pantotenico 1 mg
  • Colina 78,7 mg
  • Calcio 255 mg
  • Ferro 5.7 mg
  • Magnesio 392 mg
  • Fosforo 642 mg
  • Potassio 813 mg
  • Sodio 30.0 mg
  • Zinco 3 mg
  • Rame 1.2 mg
  • Manganese 2.5 mg
  • Selenio 25.4 mcg

fonte GreenMe.it

Perchè SuperFood

Scopri altri “perchè SuperFood”

Semi di lino: il Superfood che si prende cura di cuore, cervello e arterie

I semi di lino sono originari del Medio Oriente e vengono prodotti da una pianta, il lino appunto, diffusa in alcune zone del Mediterraneo. Nell’antico Egitto il lino veniva già utilizzato come fibra tessile, mentre in Europa si diffuse successivamente, anche per uso alimentare.

Questa pianta era riconosciuta, già nel medioevo, per la sua resistenza. Infatti, quando un neonato appariva eccessivamente gracile veniva steso a terra e circondato da semi di lino. Si credeva che questo rituale fosse in grado di trasmettere al piccolo forza e vitalità.

Oggi invece i semi di lino sono entrati a far parte della nostra alimentazione e sono considerati dei piccoli, ma potenti, Superfood. Ti stai chiedendo a cosa servono i semi di lino? Tra i tanti Superfood sempre più presenti sulle nostre tavole, i semi di lino si stanno facendo largo grazie alle potenti capacità digestive. Infatti sono un valido alleato per combattere la stitichezza. Il lino, non tutti lo sanno, ha gran parte delle sue proprietà nell’involucro del seme, dove sono contenute alcune mucillagini, sostanze che possono favorire anche la digestione più difficile. Infatti se ingerite, una volta arrivate nel tratto intestinale, a contatto con l’acqua si gonfiano e aumentano il loro volume. Questo processo, che avviene nell’intestino, aiuta la digestione e combatte i problemi di stitichezza. I semi di lino vengono infatti, per queste proprietà, scelti da chi sta seguendo una dieta dimagrante perché favoriscono una sensazione di sazietà e permettono di arrivare all’ora di pranzo e di cena, senza fame.

Altra domanda che spesso si sente fare sui semi di lino, è se aiutino in caso di cistite. La risposta è sì. Infatti, le proprietà emollienti dei semi di lino non si fermano esclusivamente al tratto intestinale, ma arrivano anche all’apparato urinario. Quindi, nel caso in cui si soffra di cistite, i semi di lino favoriscono la guarigione. I semi di lino infatti sono ottimi per depurare l’organismo.

Una delle curiosità più comuni sui semi di lino è se macinati siano tossici per il nostro organismo. In realtà i semi di lino non sono tossici, ma contengono delle sostanze, chiamate glicosidi cianogenici, che possono produrre acido cianidrico tossico. Quindi è bene limitare il consumo e non mangiarne più di un paio di cucchiai al giorno.

Abbiamo detto che i semi di lino si sono fatti strada sulle nostre tavole, ma forse ancora alcune persone non sanno come poterli cucinare al meglio, per conservare intatti i nutrienti e renderli gustosi per il palato. Come si usano i semi di lino in cucina? Di solito questi piccoli chicchi di colore marrone vengono utilizzati sia interi che in farina, sia crudi che cotti nell’impasto del pane o di una torta. Crudi invece vengono utilizzati all’interno di ricche insalate, insieme a ortaggi, frutta e altri semi.

 

Curioso di saperne di più sui semi di lino? Continua a leggere, troverai la risposta a tutte le tue curiosità e domande.

FAQ Semi di Lino

A cosa servono i semi di lino?

I semi di lino sono antinfiammatori e immunostimolanti, per questo motivo sono utilizzati per contrastare i processi infettivi e degenerativi e l’invecchiamento dei tessuti. I semi di lino vengono utilizzati anche in caso di patologie croniche, come artriti, asma ed emicranie ricorrenti. Inoltre, i semi di lino, ricchissimi di Omega-3, 6 e 9, svolgono importanti benefici sul sistema cardiocircolatorio. Infatti, regolarizzano il battito cardiaco e aiutano a mantenere le arterie pulite, regolando la pressione sanguigna.

I semi di lino contengono inoltre vitamine del gruppo B, vitamina C ed E, sali minerali come magnesio, calcio, potassio, zinco, ferro, manganese, rame, fosforo e selenio e acidi grassi essenziali, come la fosfatidilcolina, che aiutano a proteggere le cellule cerebrali dalle malattie neurodegenerative. Infine, l’azione antinfiammatoria dell’olio derivante dai semi di lino favorisce la salute delle mucose dello stomaco, sfiammando e proteggendoti dal rischio di gastriti.

Come si usa l’olio di semi di lino?

Uno dei metodi più utilizzati per assumere semi di lino, è attraverso l’olio. Infatti, sarà sufficiente ingerire un cucchiaino di olio di semi di lino, la mattina a digiuno. In questo modo avrai soddisfatto il fabbisogno quotidiano.

Cosa fare in cucina con i semi di lino?

I semi di lino sono un alimento insapore, quindi in cucina vengono utilizzati più per le loro proprietà curative che per il gusto che possono apportare ad un piatto. Di solito vengono frantumati con un mortaio e utilizzati per arricchire insalate o yogurt, insieme ad altri cereali o semi. Potrai quindi utilizzarli sia a colazione, che a pranzo e cena.

È vero che i semi di lino fanno dimagrire?

Sì, i semi di lino possono aiutarti a perdere peso. Sono infatti ricchi di acidi grassi Omega 3, che donano un senso di sazietà. Allo stesso modo, anche l’olio di semi di lino può aiutarti a tenere sotto controllo il peso. Ti consigliamo di assumerne un paio di cucchiai al giorno in un bicchiere di acqua o in un succo di frutta ipocalorico.

È vero che i semi di lino macinati sono tossici?

I semi di lino contengono glicosidi cianogenici che possono produrre acido cianidrico tossico. Quindi è consigliato non mangiarne più di due cucchiai.

I semi di lino non vanno però consumati interi in quanto, viste le loro piccole dimensioni, potrebbero essere ingeriti senza masticare e quindi senza assorbire i loro valori nutrizionali. Prima di mangiarli dovrebbero essere sminuzzati con un mortaio o un macinacaffè. In questo modo sarà possibile assimilare tutte le sostanze che contengono.

E’ vero che vengono utilizzati per combattere la cistite?

I semi di lino hanno proprietà emollienti, oltre che per l’intestino, anche per l’apparato urinario. Sono quindi utili nel caso in cui si soffra di cistite.

Hanno qualche controindicazione?

I semi di lino crudi, così come altri alimenti, possono interferire con il metabolismo dello iodio, carente in caso di ipotiroidismo. Fai quindi attenzione ad assumerli e, in caso di dubbio, chiedi sempre al tuo medico. I semi di lino non vanno poi assunti con l’aspirina, o in concomitanza di farmaci antinfiammatori o anticoagulanti.

I semi di lino contengono glutine?

I semi di lino sono utilissimi per regolare l’intestino, sono infatti facilmente digeribili e molto nutrienti. Non contengono glutine.

I semi di lino fanno bene ai capelli?

Sì, grazie alle grandi capacità antiossidanti, i semi di lino sono un vero toccasana per i capelli. Soprattutto vengono utilizzati in olio, per ottenere capelli morbidi e lucenti. Inoltre, se applicato sulla cute, potrà aiutarti a combattere forfora, normalizzando la produzione di sebo.

I semi di lino sono utili contro la stitichezza?

I semi di lino sono utilissimi per contrastare la stitichezza e il colon irritabile. Alcuni li definiscono un lassativo naturale, ma sono in realtà più un emolliente intestinale, che ti aiuterà a riprendere le tue normali funzioni intestinali. Può essere utile infatti portarli con sé durante un lungo viaggio.

Prova a preparare, alla sera, un infuso a freddo di semi di lino: mettine un cucchiaino in un bicchiere d’acqua minerale naturale, copri il bicchiere con un piattino e lascia riposare tutta la notte. I semi di lino rilasceranno le loro mucillagini cicatrizzanti e lenitive. La mattina dopo dovrai bere l’acqua a digiuno, l’effetto sarà immediato e ritroverai immediatamente il tuo benessere intestinale!

Quali sono le proprietà dei semi di lino?

I semi di lino contengono acidi grassi monoinsaturi come l’acido oleico, grassi saturi, mucillagini emollienti, proteine, sali minerali e alcuni polifenoli antiossidanti capaci di contrastare funghi e batteri. Possono aiutarci quindi a prevenire alcune patologie correlate allo stile alimentare, come il diabete di tipo II.